Panettone "IL BRUNO" allo Zenzero Candito


Abbiamo il piacere di presentarvi un' altra subliminare novita' del Natale 2018.

Per i palati esigenti che cercano nel gusto un esaltante emozione sensoriale,l'abbinamento del nostro gia' noto panettone "Il Bruno" ai farri Antichi con l'aroma e pezzi di zenzero candito, delicato dalle caratteristiche e proprieta' gia' note.

Lo zenzero (o “ginger”) è una pianta perenne originaria dell’Asia orientale che ha l’aspetto di una canna e che arriva all’altezza di circa un metro. Impiegata per millenni nella medicina Ayurvedica e giunta in Europa nell’epoca romana, è costituita da grossi rizomi nodosi dall’odore aromatico e dal sapore pungente e piccante.

BENEFICI DELLO ZENZERO

Le proprietà dello zenzero sono davvero numerose. La più conosciuta è la capacità di contrastare la nausea: basta masticare un pezzetto di zenzero durante un viaggio in auto per ridurre il senso di nausea che spesso ci attanaglia. È poi utile anche nella dispepsia, la condizione che provoca gonfiori addominali e meteorismo.

Se si sta seguendo una dieta dimagrante, lo zenzero è considerato tra i cibi bruciagrassi: la sue proprietà termogeniche producono calore trasformando il cibo in energia e non in adipe che si deposita sul corpo. Per riattivare il metabolismo è sufficiente assumerne da 500 a 2000 mg al giorno.

Infine, il gingerolo contenuto nella radice riattiva la circolazione sanguigna e il drenaggio dei liquidi con un effetto anticellulite, mentre gli olii essenziali presenti al suo interno favoriscono la digestione

 


Torrone Morbido dei Morti

Tra le varie “gustose” tradizioni gastronomiche della nostra terra in questo periodo di inizio novembre si usa mangiare il “torrone” che viene anche detto torrone dei morti.

L’abbondanza proprio in questo periodo di questo favoloso torrone è legato, secondo la tradizione, alle offerte ai propri defunti, e addirittura sembra che la forma e il colore dei torroni ricordino proprio le sagome delle bare, dei classici “tavùti”.

Ma a parte le leggende che si trovano nella storia di tutti i popoli per il torrone ci troviamo alla presenza di un tipico dolce della tradizione napoletana di questo periodo.

In genere è un torrone morbido a base di cacao, arricchito da varie bontà che ne rendono il gusto molto particolare: si trova infatti con nocciole, mandorle, pistacchi, cioccolato fondente, pistacchio, bianco o color cioccolato è sempre buonissimo. Ma è molto buono anche quello più duro con miele.

Nuove ed esclusive creazioni Oliva

Le nuove ed esclusive creazioni dei nostri laboratori sartoriali abbinati alle  specialita di cioccolateria e confetteria'artigianale, faranno del vostro evento un capolavoro di originalita' e raffinatezza. 

by #Olivacreazioni


RUM MAJA

RUM MAJA

Il rum Maja ha origine nel paese più piccolo dell’America Latina , El Salvador , tra l’Honduras e il Guatemala. Il clima è tropicale e il terreno è di origine vulcanica ,entrambe condizioni ideali per la coltivazione della canna da zucchero , insieme alla produzione del caffè , del cotone e del granoturco . Due imprenditori locali amanti dei distillati decidono di ricreare una antica ricetta per la produzione del rum , le cui caratteristiche sono gli aromi orientali risalenti al 19th secolo , e riscoperta nella regione costiera di Sonsonate .

Don Pancho Fernandez da Cuba , un noto assemblatore di rum ,fa invecchiare i suoi rum per un minimo di 8 e 12 anni in botti di rovere americano utilizzate per il bourbon .

MAJA 8 ANNI 
Dal colore oro intenso , è leggermente dolce con aromi tropicali , ideale da bere liscio o con ghiaccio . 
ESAME OLFATTIVO : aroma ricco e delicato . 
ESAME GUSTATIVO : frutta tropicale , al finale secco ma vanigliato con sentori di caramello . 

MAJA 12 ANNI 
Rum scuro ma dal colore brillante . Nasce dalla combinazione di rum invecchiati , è consigliato da bere liscio. 
ESAME OLFATTIVO : sentore di affumicato , legnoso e delicato . 
ESAME GUSTATIVO : cuoio e vaniglia , finisce vellutato . 

 

*
 
Capacità
700 ml.
 
Gradazione alcolica
40% Vol.


Iniziamo il Meraviglioso Viaggio dei TE' Conosciamo Earl Grey The Nero Aromatizzato

"Earl Grey The Nero Aromatizzato"


Descrizione

Proveniente da Ceylon e dalla Cina, è il tè nero ideale per gli amanti del gusto classico e intramontabile. L’olio estratto dalla scorza del Bergamotto, conferisce il perfetto equilibrio tra la delicatezza del tè e l’aroma agrumato.

Tè Nero

Preparazione


0 Commenti

Iniziamo il Meraviglioso Viaggio dei TE' Conosciamo Anichai the nero aromatizzato

ANICHAI THE NERO AROMATIZZATO


Descrizione

 Tè nero spezie (cardamono,bacche rosa,chiodi di garofano,zenzero),aroma alle spezie

Tè Nero

Preparazione


0 Commenti

Iniziamo il Meraviglioso Viaggio dei TE' Conosciamo PAI MU TAN

"PAI MU TAN" THE BIANCO CHINA


Descrizione

 Tè bianco esclusivo della Cina. Le grandi foglie vengono accuratamente vaporizzate e asciugate ottenendo così un tè dal gusto unico. Il raccolto di questo tè avviene solitamente in primavera e viene realizzato manualmente.Le foglie vengono fatte appassire , quindi essicare. Ricoperte da un abbondante lanugine grigio bianca,queste foglie regalono un'infusione color albicocca chiaro,fruttata e leggermente erbacea.

Tè Verde Bianco

Preparazione


0 Commenti

Iniziamo il Meraviglioso Viaggio dei TE' Conosciamo JASMIN CHUNG HAO- THE AL GELSOMINO

JASMIN CHUNG HAO- THE AL GELSOMINO


Descrizione

 Tè verde corposo, gusto leggermente aspro con il caratteristico profumo dei fiori di gelsomino.

Prodotto a partire da un tè verde di ottima qualità, miscela a fiori freschi di gelsomino fino a quando si impregna del suo profumo floreale.Un liquore delicato che si accompagnerà alla perfezione alla cucina cinese. Adornato da fiori di gelsomino essiccati.

Tè Verde Cinese

Preparazione


Iniziamo il Meraviglioso Viaggio dei TE' Conosciamo il Gunpowder

"GUNPOWDER" THE VERDE CHINA


Descrizione

Polvere di cannone per gli occidentali, perle di te per i cinesi, questo tè rievova la preparazione del tè alla menta del Maghreb. 1 cucchiaio di tè per 50 cl.di acqua, un delicato profumo di menta fresca e alcune zollette di zucchero.

Tè verde, molto fine, arrotolato, gradevole e forte, colore ramato, gusto pungente, leggermente amaro.

 

Tè Verde Cinese

Preparazione


0 Commenti

Iniziamo il Meraviglioso Viaggio dei TE'. Conosciamo il "Darjeeling Himalaya"

Darjeeling Himalaya FTGFOP


Descrizione

Il re dei te' proveniente dall'Himalaya, leggero e aromatico.

Una miscela leggera di seconde raccolte, dalle foglie particolarmente profumate, con un aroma di noce moscata supportato da un gusto leggermente pungente.

Te' Nero       Classico

Preparazione


0 Commenti

Perché lievito Madre

Tutti i nostri prodotti sono ottenuti con il 100% di Lievito Madre, fedeli alle ricette originali, ossia sono fatti senza lievito di birra, e questa è la garanzia OLIVA.

Perché è importante capire la differenza

Il Lievito Madre è un impasto di acqua e farina fermentato da fermenti lattici e lieviti, mantenuto vivo grazie  a rinfreschi giornalieri.

Questo tipo di lievito in Gran Bretagna,Francia;Germania e Spagna è rispettivamente identificato dai termini "sourdough", "levain","saureteig","levadura de masa madre".

Il lievito di birra è invece un preparato commerciale costituito da cellule del lievito.Saccharomyces cerevisae,opportunamente selezionato e propagato industrialmente.Anche la sua definizione marca la differenza; questa tipologia di lievito in Gran Bretagna,Francia,Germania e Spagna è rispettivamente identificata dai termini "bakery yeast","levure de panification", "hefe","levadura prensada industrial".

 

Perché il Lievito Madre rende i prodotti più buoni.

Maggiore Complessita' Organolettica

la biodiversità microbica del Lievito Madre produce una più diversificata quantità di metaboliti e determina caratteristiche sensoriali.

MAGGIORE CONSERVABILITA'

I fermenti lattici producono acido lattico e altre sostanze come l'acido feni-lattico, che incrementano la conservabilità del prodotto finito.

MAGGIORE DISPONIBILITA' DI SALI MINERALI

L'azione dei fermenti lattici su componenti insolubili delle farine libera elementi minerali, che in tal modo diventano disponibili e più facilmente

assimilabili.

 

Grazie per aver scelto una bontà OLIVA.

0 Commenti

Fisco regali natale

Omaggi natalizi fino a 50 euro con IVA detraibile, ma solo dal 13 dicembre 2014

Erario Anna Eleonora

Il decreto legislativo semplificazioni fiscali ha previsto l'innalzamento da € 25,82 a € 50 euro del limite di costo unitario del bene omaggio che costituisce spesa di rappresentanza per il quale è ammessa la detraibilità dell'IVA. L'innalzamento del limite, però, opera solo dal 13 dicembre 2014, mentre per i beni acquistati fino al 12 dicembre si applica ancora il limite di € 25,82 di costo unitario del bene

96x128 strenna regalo pacco omaggio
In occasione delle festività natalizie è consuetudine per le imprese ed i professionisti offrire omaggi ai propri clienti.
Dal 13 dicembre 2014, gli omaggi natalizi saranno interessati da un'importante novità a vantaggio del soggetto/impresa che acquista il bene da omaggiare. Da tale data, infatti, entra in vigore il Decreto legislativo semplificazioni fiscali (D.Lgs. n. 175/2014), il quale, all'art. 30, innalza la soglia di detraibilità IVA. In particolare, se il bene è di costo unitario non superiore a € 50 (anziché € 25,82), infatti, sarà possibile detrarre integralmente l'IVA.
In tal modo, viene di fatto parificato, per i beni che costituiscono spese di rappresentanza, il trattamento fiscale ai fini IVA a quello previsto ai fini delle imposte dirette (per le quali è già ammessa la deducibilità se il costo unitario del bene non è superiore a € 50).
Si precisa, però, che la novità ha effetto solo dal 13 dicembre 2014, pertanto l'IVA relativa all'acquisto del bene che viene omaggiato è detraibile integralmente se il bene ha un costo unitario:
  • pari o inferiore a € 25,82, se acquistato fino al 12.12.2014;
  • pari o inferiore a € 50,00, se acquistato dal 13.12.2014.                          
  •      FONTE www.fiscoetasse.com

Iniziamo le prove panettone "Oliva 2014" la differenza...?? Lievitazione Naturale!!!

Lievitazione Naturale:

 

Lievito naturale è denominato l'impasto di farina e acqua lasciato all'aria per un tempo più o meno lungo. Durante questo tempo , in conseguenza dell'azione di microrganismi presenti nell'aria ed eventualmente di quelli aggiunti, avvengono fenomeni fermentativi e riproduttivi, i più utili dei quali sono provocati dai saccaromiceti e altri microrganismi “buoni” che coadiuvano in una certa misura l'attività fermentativa dei saccaromiceti (es. fermenti lattici ); altri ancora sono più o meno nocivi alla loro funzione (es. microrganismi dell'acido acetico, dell'acido butirrico).

Conseguenza di questo processo biologico dell'impasto è la sua trasformazione in una coltura di lieviti selvaggi. Per ottenere il lievito madre o lievito seme dobbiamo favorire la crescita e la moltiplicazione dei microrganismi “buoni” in modo da ottenere il tanto desiderato lievito madre. Se, una parte di lievito madre, viene immesso in un nuovo impasto di acqua e farina esso agisce da agente lievitante naturale. Nelle produzioni della Baldassini viene utilizzato un lievito madre completamente sviluppato e conservato all’interno dell’azienda stessa in un rituale che si tramanda da generazioni. .

Come si prepara il lievito madre: La risposta e semplice e complessa nelle stesso tempo in quanto la preparazione del lievito madre (o naturale) è molto delicata e laboriosa. È possibile ottenere un lievito naturale con tecniche diverse. Esempio con miele, schiuma della pigiatura dell’uva, con dello yogurt ed ancora con colture di lieviti puri selezionati.

Un semplice sistema per ottenere il lievito naturale è quello di impastare farina, acqua e yogurt e dopo aver avvolto l’impasto in un panno pulito lasciarlo riposare per 12 ore in ambiente caldo umido (28°C e 65/70% U:R:) tanto da farlo diventare terreno di coltura dove i microrganismi si moltiplicano.

Durante questo riposo, in conseguenza della presenza di microrganismi dell’ambiente o dell’aggiunta dei fermenti lattici provenienti dallo yogurt, avviene una rapida riproduzione dei microrganismi ,batteri lattici in particolare. Dopo rinfreschi fatti ogni giorno per circa 10/15 giorni, raddoppiando il peso della massa con farinata da panettoni idratata al 50% controllando il ph. e la forza lievitante, si ha il lievito madre per la produzione.

Dopo aver esaminato la produzione del lievito naturale è facile notare la differenza tecnologica rispetto al lievito compresso, che determina una diversa conduzione del processo. Mentre il lievito naturale ha bisogno di una fermentazione lunga e l’aggiunta di farina e acqua per più volte, il lievito compresso viene usato direttamente negli impasti permettendo una lavorazione più breve e semplice. La maggior durata del processo con il lievito naturale permette un’azione più prolungata degli enzimi proteolitici che quindi rendono il prodotto più ricco in composti azotati più semplici delle proteine quali gli aminoacidi.

Il maggior contenuto di aminoacidi e zuccheri semplici nel prodotto ottenuto con il lievito naturale determina la fragranza del prodotto stesso, in quanto sono proprio alcuni aminoacidi (lisina, prolina e valina) che durante la cottura reagiscono con il glucosio (reazione di maillard) formando composti che danno il caratteristico odore.

Quindi i vantaggi apportati dal lievito naturale sono:

A) Una più lunga conservazione del prodotto finito (rispetto a una lavorazione con il lievito compresso) dovuta alla maggiore acidità dell’impasto (azione dei lactobacilli) la quale rallenta la formazione delle muffe.

B) Alveolatura più regolare, conseguenza di una produzione di anidride carbonica più lenta e graduata dovuta alla maggiore durata del processo fermentativo.

C) Sapore e profumo caratteristico accentuati dalla formazione di sostanze organiche volatili (esteri, tra gli alcoli e gli acidi prodotti dalla fermentazione collaterale) e dai prodotti aromatici che si formano in fase di cottura (tra gli aminoacidi e gli zuccheri).

D) Ed in fine una ottima digeribilità ed assimilabilità dei prodotti da forno (e del pane) prodotti con lievito naturale, in quanto l’azione della lievitazione biologiche e la maggiore durata del processo provoca trasformazioni con formazioni di molecole più semplici facilitando così il lavoro dell’apparato digerente.

 

"La Bruna" Colomba Artigianale ai Farri Antichi

2014 nasce "La Bruna", la colomba artigianale ai farri antichi, la tradizione si rinnova:


ingredienti accuratamente selezionati, un’attenta lavorazione
artigianale, i lunghi tempi di lievitazione, la dedizione e fantasia dei nostri 
maestri pasticceri...sono la garanzia di un’altissima qualità artigianale.

Le farine di farri antichi regalano alle paste lievitate un delicato colore
bronzo-dorato e caratteristiche note aromatiche, risultato della miscela delle

tre varietà. Gusti e profumi che si sprigionano dall’interazione armonica tra
le proprietà del farro antico e il lievito madre, creando un connubio unico di
gusto e sofficità.

0 Commenti

Colomba Artigianale "OLIVA"

La Colomba "OLIVA":

La particolare cura nella scelta degli ingredienti ed una grande attenzione alla lavorazione, in gran parte ancora manuale, consentono di ottenere un dolce di alta pasticceria, ricco e squisito: la Colomba Pasquale di Oliva, una vera specialità nella sua ricetta più classica.

 

Come si Gusta:

La Colomba va tolta dalla confezione almeno mezz'ora prima di consumarla e preferibilmente va lasciata accanto ad una fonte di calore moderato, per far rinvenire gli aromi e ammorbidire la pasta. Per tagliarla è meglio usare un coltello seghettato, in modo che la fetta non sia schiacciata, ma tagliata di netto.

 

 

0 Commenti